TENUTA VILLANOVA

Gia' dall'epoca romana le terre dalle rive alte dell'Isonzo fino ai rilievi del Collio, sono conosciute e riconosciute come 'mansi' (terreni) da cui trarre vino ottimo e vero. Una vocazione che produce eccellenza da secoli, frutto delle scelte illuminate nel tempo dei vari signori della Tenuta Villanova, fin dalla sua fondazione nel 5 aprile 1499, anno in cui i conti Strassoldo la acquisiscono dal Capitolo del Patriarcato di Aquileia e la dirigono per ben tre secoli. Nell'Ottocento e' una nuova famiglia, i Levi, a dare impulso tecnico e di immagine alla Tenuta raggiungendo, a fine Ottocento, ben 65 corpi tavolati di proprieta' con prestigiosa visibilita' commerciale anche all'estero. Dopo diversi successivi passaggi di proprieta', giunge l'acquisizione, nel 1932, di Arnaldo Bennati che, prima con il nome ‘Piave-Isonzo', e poi, nel 1985, con “Tenuta Villanova”, trasforma quella che era una azienda storica in un'impresa moderna. La famiglia Bennati, nella persona di Giuseppina Grossi Bennati, ne mantiene ancora oggi saldamente la proprieta', che si estende oggi per 200 ettari, dei quali una parte sono coltivati a vigneto (100 ettari nella DOC Isonzo e 27 nella DOC Collio) e i restanti a bosco e prati stabili: un patrimonio naturale costruito dalla storia e valorizzato dalla attuale gestione, fatta di passione e competenza, per un'azienda gia' proiettata nel futuro.

i prodotti